Santa Chiara d'Assisi

Stampa PDF
Indice
Santa Chiara d'Assisi
Pagina 2
Pagina 3
11 AGOSTO: SANTA CHIARA D'ASSISI

Chiara nasce ad Assisi nel 1194 da famiglia nobile, appartenente ai maiores della città. Nella notte della Domenica delle Palme del 1211 o 1212 (la data è incerta), accompagnata da Pacifica di Guelfuccio, fugge dalla casa paterna e raggiunge la Porziuncola, dove l'attendevano Francesco e i suoi primi frati.

Santa Chiara

Nella chiesina di Santa Maria degli Angeli Francesco presiede il rito della tonsura (il taglio dei capelli) che trasforma Chiara da nobildonna (nobilis mulier) a donna di penitenza (mulier religiosa).

È l'epilogo di un percorso interiore che Dio ha illuminato per mezzo dell'esempio di Francesco: L'altissimo Padre celeste si degnò illuminare l'anima mia mediante la sua grazia perché, seguendo l'esempio e gli insegnamenti del beatissimo padre nostro Francesco, io facessi penitenza (FF 2787).

Francesco, dopo la tonsura, indirizzò Chiara dapprima presso le benedettine di San Paolo delle Badesse, a Bastia Umbra, poi presso una comunità di penitenti a Sant'Angelo di Panzo, alle pendici del monte Subasio. Prima della fuga dalla casa paterna, però, Chiara vendette tutta la sua eredità e dettela alli poveri (FF 3087).

Così, quando si presenta alla porta di San Paolo delle Abbadesse, non ha più la dote per essere accolta come monaca, ma può entrarvi solo come conversa, cioè come serva.

Da qui l'opposizione dei parenti che, diversamente, non avrebbero considerato umiliante la sistemazione di Chiara in un monastero ricco e importante come quello di San Paolo.



Frati Cappuccini Assisi