Missioni

Sito Vice-Provincia Amazonas

Tra Acqua e Cielo

TraAcquaECielo_150x177

Trailer del Dvd

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Centro Missionario

Il TESTIMONE della “Reverse Mission”

Stampa PDF
staffetta

Parlare di “testimone” ci porta all’idea del passaggio tra un corridore e l’altro, tra un atleta e l’altro, durante una corsa, una staffetta, in cui il vincitore non è il singolo, ma la squadra, in cui il merito della vittoria dipende dallo sforzo di tutti, nel nostro caso, non del singolo frate, ma di tutta la fraternità. Di fatto in questo breve articolo, vogliamo esprimere la nostra gioia e gratitudine al Signore per il dono dei nostri due “atleti” dell’Animazione Missionaria. Certo siamo consapevoli che uno termina una lunga ed impegnativa “corsa” mentre l’altro sta solo iniziando, ma l’importante è che i due si stanno passando - da veri fratelli! - il testimone! Stiamo parlando del conosciutissimo Fr. Valerio “… poco serio!” (ndr. ricordando così il titolo del libro di barzellette da lui scritto) e del giovane Fr. Carlos Acácio.

fr Valerio Di Carlo

Questo passaggio di testimone, però, non è uguale ad altri normali avvicendamenti del direttore del Centro Missionario, come quello avvenuto molti anni fa tra Fr. Marcello Falini e Fr. Valerio, ma ha qualcosa di grande, di bello, di una vera svolta epocale… perché?!
Nel 1990, Giovanni Paolo II nella Lettera Enciclica Redemptoris Missio circa la permanente validità del mandato missionario, scriveva: Cooperare alla missione vuol dire non solo dare, ma anche saper ricevere: tutte le chiese particolari, giovani e antiche, sono chiamate a dare e a ricevere per la missione universale e nessuna deve chiudersi in se stessa.

Già nel 1978, a Mattli, in Svizzera, anche i nostri cappuccini, celebrando il 3° Consiglio Plenario dell’Ordine, sul tema “Vita e attività missionaria”, scrivevano: L'autentica attività e cooperazione missionaria non è “a senso unico”. Anche le giovani chiese hanno un messaggio da offrire alle chiese antiche e alle nostre Province, arricchendole con i loro valori religiosi, culturali, sociali, politici, ecc.
Ecco, dunque, perché parliamo di svolta epocale: da anni nella Chiesa si cita frequentemente la “reverse mission” o “missione a rovescio”, ma in realtà solo oggi, finalmente, anche nella nostra Serafica Provincia Umbra, assistiamo con grande gioia alla realizzazione di questa auspicabile realtà!

fr Acacio Ferreira

La reverse mission si manifesta chiaramente in questo passaggio di testimone da un missionario italiano ad un giovane cappuccino brasiliano, figlio della missione in Amazzonia!
È un momento di profonda comunione ecclesiale e per noi francescani è un evento di autentica fraternità di cui possiamo gioire ed essere orgogliosi come cappuccini sia umbri sia amazzonici!
Ed anche tu che ora stai assistendo a tale svolta, puoi esclamare: anch’io sono un testimone di questo grande evento!

Infine, vorremmo concludere con le parole del Papa nella Redemptoris Missio, che sono un messaggio attuale per tutti noi frati e collaboratori laici, sia umbri sia amazzonici: Lungi dall'isolarvi, accogliete volentieri i missionari e i mezzi dalle altre chiese, e mandatene voi stesse nel mondo! Proprio per i problemi che vi angustiano avete bisogno di mantenervi in continua relazione con i fratelli e sorelle nella fede. Con ogni mezzo legittimo fate valere le libertà, a cui avete diritto, ricordandovi che i discepoli di Cristo hanno il dovere di «obbedire a Dio piuttosto che agli uomini» (At 5,29).

Frati Cappuccini Assisi