Camminare Insieme

0005

Assisi Missio Onlus

 

Assisi Missio

Incontri Estivi ad Assisi

Pastorale Giovanile

Clarisse Cappuccine

Clarisse_Cappuccine
Assisi, Gubbio e
Città di Castello
frateindovino
Sala Beato Giovanni Paolo II
REBECCA
Biblioteca OASIS

Rifugio Francescano

Rifugio Francescano
Sito Vice-Provincia Amazonas

Tra Acqua e Cielo

TraAcquaECielo_150x177

Martedì 9 febbraio 2016, alle ore 07.30, Papa Francesco ha celebrato all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro la Santa Messa per e con i Frati Minori Cappuccini di tutto il mondo, giunti a Roma in occasione della traslazione delle spoglie di San Pio da Pietrelcina e San Leopoldo Mandić. È stato un grande evento al quale hanno partecipato, secondo le stime, circa 1200 frati. Già dalle 5.30 del mattino si vedevano affluire lungo la via Conciliazione le prime «venerabiles barbae capucinorum». Dopo un’ora, all’ingresso di San Pietro era un fiume di sai e sandali marroni che allegramente si riconoscevano e  si salutavano “fratescamente”, in attesa paziente di vedere il Papa e celebrare l’Eucaristia con lui. La gioia di essere lì e ritrovarsi insieme, dapprima condivisa sulla strada, da veri itineranti, è stata poi offerta nella Basilica di San Pietro in rendimento di grazie a Dio, durante la concelebrazione eucaristica. C’era in ogni frate presente, insieme alla gioia, anche l’orgoglio di appartenere a un Ordine che ha dato alla Chiesa due santi, scelti dal Papa come icone per l’Anno giubilare della Misericordia. Aperti i cancelli ed entrati in San Pietro i frati si preparavano alla Messa in un clima generale di preghiera, favorito dalla presenza delle urne contenenti le spoglie di San Pio e San Leopoldo. E l’atmosfera restava raccolta, nonostante davanti alle urne dei santi andassero intanto accalcandosi sempre più fedeli laici. Mentre i sacerdoti restavano nella navata, sul presbiterio si disponevano il Ministro generale dell’Ordine Mauro Jöhri, molti vescovi e cardinali, giunti indistintamente con lo zucchetto rosso e il saio francescano, tra i quali Sean Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston. E, ovviamente, molti Ministri provinciali. Alle 07.30 il Santo Padre iniziava la celebrazione in modo semplice, ma decisamente intenzionato a ricordare, ai religiosi presenti, il valore aggiunto del loro carisma: «La tradizione vostra dei Cappuccini è una tradizione di perdono» - ha esordito Papa Francesco. «Io – ha poi continuato esortativamente nell’omelia, tenuta a braccio – vi parlo come fratello e in voi vorrei parlare a tutti i confessori in quest’anno della misericordia: il confessionale è per perdonare e se tu non puoi dare l’assoluzione per favore non bastonare». Prima della benedizione finale, padre Mauro Jöhri ha ringraziato il Papa per aver esaudito il desiderio dei Cappuccini di celebrare insieme a lui la Messa, in un clima affettuoso, perché «noi le vogliamo bene» - ha detto il Ministro generale a nome di tutti i frati Cappuccini del mondo. Conclusa la funzione, i frati si sono trasferiti nell’Aula Paolo VI per un’abbondante colazione offerta dal Santo Padre. E ancora visibilmente emozionati commentavano le parole appena ascoltate da Papa Francesco. Subito dopo la colazione, con in testa il Ministro generale che portava alta la Croce della Misericordia, tutti i Cappuccini in processione attraversavano la Porta Santa e lentamente procedevano verso le reliquie di San Pio e San Leopoldo per un umile e devoto gesto di venerazione e una preghiera.

IMG 1446

Il nuovo governo della Custodia do Amazonas e Roraima eletto il 4 Febbraio 2016, nel giorno di San Giuseppe da Leonessa, Patrono della Provincia dell'Umbria dei Frati Minori Cappuccini:

Custode, Fra Carlo Maria Chistolini

1° Consigliere, Fra Mario Ivon

2° Consigliere, Fra Paulo Xavier

3° Consigliere, Fra Aceme

4° Consigliere, Fra Felipe Gentil 

12670411 1696729310613011 3379873175106662909 n  

Frati Cappuccini Assisi