Frate Indovino Dicembre 2009

Stampa PDF
Frate Indovino Dicembre 2009

 

La Forza Del Bene

La notizia dell'affidamento di una Missione in Amazzonia, comunicata agli inizi del 1909, mise "in fibrillazione", come suol dirsi oggi, i Frati Cappuccini, ma non ebbe grande risonanza in mezzo alla gente umbra. Tuttavia, appena cominciarono ad arrivare le prime notizie e i primi resoconti che mettevano in evidenza la gravità dei problemi da affrontare, i Frati cominciarono ad attivarsi per chiedere solidarietà e collaborazione.

Non erano tempi economicamente floridi, ma... la via del cuore è sempre la più breve, e la gente prese a rispondere con grande generosità. Le notizie che continuavano ad affluire servirono a mobilitare ancor più le coscienze e ad avviare un'azione ancor più capillare, coinvolgendo amici, benefattori, simpatizzanti, associazioni, persone di buona volontà vicine e lontane. Si moltiplicarono le iniziative, ci si affidò alla carta stampata per far conoscere l'ambiente, le situazioni, le difficoltà.

Poi, con il ritorno dei primi Missionari per malattia o per periodi di riposo, cominciarono ad aprirsi sale parrocchiali, aule scolastiche, teatri, auditorium a tanta gente che voleva sentire dalla loro viva voce notizie di quel mondo lontanissimo e misterioso. Si cominciò cosi a creare attorno alla Missione amazzonica un interesse, un consenso, un alone di simpatia e di coinvolgimento che, con lo scorrere degli anni, ha varcato i confini dell'Umbria, raggiungendo, a macchia di leopardo, tutto il paese.

Sono sorti gruppi di appoggio e di collaborazione quali "Le amiche dei lebbrosi" (anni '50), "Comunità di San Fatucchio" e "Insieme Fratelli Indios" (anni '80). Si è intessuta, con la creazione in Assisi di un Segretariato Missioni (1955), una rete di migliaia e migliaia di indirizzi continuamente informati e in stretto contatto con il centro; si è strutturato, ancora in Assisi, un visitatissimo Museo Etnico dell'Amazzonia, tra i migliori d'Europa; infine, con il Calendario Frate Indovino, l'informazione e il raggio d'azione hanno raggiunto il loro apice.

Ecco, carissimi amici, in Amazzonia abbiamo ancora moltissimo da fare, e continueremo a confidare nella Divina Provvidenza e nelle sue vie misteriose. Ma ciò che mi preme dirvi in questo momento, dal profondo del cuore, e che vorrei scrivere con lettere d'oro e a caratteri cubitali, è questo: il "molto" che è stato fatto in questi cento anni è stato possibile grazie alla vostra disponibilità e alla vostra generosità, appartiene anche a voi; anche voi avete partecipato a scrivere questo secolo di storia luminosa, anche voi siete stati strumento che ha permesso a questa "forza del bene" di scorrere e di comunicarsi: e quella "corona di luce" che il Signore darà a chiunque "avrà offerto anche un solo bicchiere di acqua" è destinata anche a voi, e sarà vostra per sempre.


Visita: www.frateindovino.eu

Frati Cappuccini Assisi