Frate Indovino Agosto 2009

Stampa PDF
Frate Indovino Agosto 2009

 

Un Futuro Per Tutti

"Darwin, chi ti ha insegnato a fare il meccanico?". - "I colpi di chiave in testa che mi dava Padre Ludovico! Darwin Perea, ormai anziano, è ancora il miglior meccanico della Missione.

I nostri Missionari sono arrivati in Alto Solimões nel momento del crollo della gomma amazzonica, quando una moltitudine disperata di "seringueiros" (raccoglitori di caucciù) veniva a ingrossare la folla già troppo numerosa di poveri del luogo, dove i "patrões", proprietari delle terre e di chi le lavorava, pagavano così male i prodotti della caccia, della pesca e dell'agricoltura da togliere la voglia e la forza di produrre più del minimo indispensabile per la sopravvivenza.

C'era da strutturare tutto: cappelle, chiese, scuole, capannoni polivalenti, abitazione per i Missionari. I Padri cominciarono cercando la collaborazione della gente, che dapprima fu abbastanza scarsa per una comprensibile iniziale diffidenza, poi però sempre più convinta.

La Missione costituì, piano piano, una sua manodopera. Servivano muratori, manovali, falegnami, elettricisti, meccanici... ogni parrocchia e residenza missionaria si creava la propria équipe che retribuiva in modo dignitoso e cercava di mantenere, accrescere e perfezionare.

È risaputo che in Alto Solimões quasi non esistono pietre; si pensò allora di fabbricare dei mattoni con l'abbondante argilla presente sul posto, costruendo fornaci un po' rudimentali, ma efficienti: servivano operai...  Il legno da costruzione era abbondante e così si impiantarono segherie, falegnamerie: servivano operai... Poi si vide che le iniziative erano funzionali, si poteva fornire il materiale a terzi...

Così i Missionari si sono ritrovati a impiantare un po' di tutto: campi agricoli sperimentali, allevamenti di bovini, pompe idrauliche, generatori per elettricità, segherie, falegnamerie, fabbriche di mattoni, officine meccaniche, stazioni radiofoniche, persino una... banda musicale con venticinque elementi!

Iniziative venute da sé, non programmate, cresciute tra le mani, imposte dalle necessità quotidiane... che non sempre hanno funzionato e spesso è stato necessario abbandonare: ma il tutto ha favorito la creazione di una manodopera generica e, in certo modo, anche specializzata, ed è servito ad avviare i primi rudimenti di un'imprenditoria locale.

Oggi tutte queste realtà sono passate a persone del posto, e i Missionari si stanno dedicando a un'attività più strettamente spirituale. Ma quando c'è da avviare, o sostenere, qualche opera promozionale, loro sono sempre disponibili.


Visita: www.frateindovino.eu

Frati Cappuccini Assisi