Convento OFM Cap Foligno

Stampa PDF

 

I Frati Cappuccini ebbero un primo convento nel 1530 su un colle vicino a Foligno dove esisteva una chiesetta dedicata a S. Valentino. Lo lasciarono nel 1540 per stabilirsi in un altro luogo collinoso, chiamato S. Giuseppe di Vignole. I Folignati però insistettero perché i frati fossero più vicini, per meglio godere della loro assistenza religiosa. Fu così fondato un nuovo convento nel 1561, a spese del popolo, sul luogo attuale, chiamato "S. Francesco al Monte". Soppresso nel 1867, fu riaperto pochi anni dopo (1871). Tra il  1958-1961 fu ricostruito ex novo.

La chiesa è dedicata a S. Francesco d'Assisi. Sede dello Studio Teologico fino al 1956 e del Seminario Serafico dal 1961 al 1964, ospitò anche lo Studio Filosofico dal 1965 al 1969, e per qualche anno il Noviziato. I nostri infermi vi risiedettero, salvo gli anni della completa ricostruzione, dal 1936 al 1970. Un Padre del convento opera, come cappellano, nell'Ospedale Civile. Un nostro Padre, ha seguito e contribuito alla costruzione di una nuova Chiesa "Buon Pastore" di S. Paolo, della quale è stato Parroco per 16 anni.

Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno Convento di Foligno

Da diversi anni il Convento è attrezzato a Casa di Accoglienza per Esercizi spirituali, [visita pagina web] convegni ecclesiali, nuclei familiari e pellegrini diretti ai vari luoghi francescani. Il fatto che molti gruppi ritornano più volte (di alcuni si sa che lo hanno fatto anche per dieci anni consecutivi), testimonia che questa Casa non attira solo per il decoro del servizio (impreziosito dalla presenza di agili e sorridenti Suore polacche) o per la bellezza del luogo (peraltro unica: vi si gode un panorama meraviglioso, un parco stupendo, aria pulita, silenzio, solitudine: tutti ingredienti per farne un approdo ideale, per scaricare tensioni o per ritrovare, un po' se stessi). Quello che lascia il segno nei visitatori è il calore dell'ambiente familiare che i nostri Padri riescono a creare.

Frati Cappuccini Assisi